Coronavirus, Eli Lilly sospende le sperimentazioni cliniche sul vaccino: “Possibili preoccupazioni legate alla sicurezza”

A poche ore da decisione di Johnson & Johnson, anche Eli Lilly, una delle società sponsorizzate dall’amministrazione briscola condurre sperimentazioni sui vaccini anti-Covid, ha dovuto sospendere le proprie sperimentazioni cliniche, trattamento a cui ricorre anticorpi, per “possibile preoccupazioni relative alla sicurezza ” New York Times citando alcune email inviate da funzionari ai ricercatori e alle cliniche interessate.

Il vaccino L’esperimento di Eli Lilly utilizza gli anticorpi monoclonale. Si tratta – riporta il quotidiano americano – di un trattamento simile a quello messo a punto dall’azienda farmaceutica Regeneron alla cui terapia è stato sottoposto il presidente Donald Trump dopo che gli è stata diagnosticata Covid-19. UN terapia la cui approvazione è massiccia distribuzione, ha detto nei giorni scorsi il Presidente, potrebbe essere imminente. La settimana dopo briscola ha ricevuto il trattamento, infatti, Eli Lilly e Regeneron ne hanno fatto uno richiesta per un’approvazione di emergenza dei loro prodotti da parte di Fda.

Il test di trattamento voleva verificare i benefici su centinaia di persone ricoverate con il covid-19, rispetto a un placebo. Tutti hanno anche ricevuto il remdesivir, un altro farmaco sperimentale. Non è chiaro quanti volontari nel test che hanno sviluppato complicazioni, né cosa sono. Molly McCully, portavoce di Eli Lilly, ha confermato la pausa nei test: “The sicurezza è della massima importanza Lilly“, Ha sottolineato.

Memoriale al coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno qui su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tutto questo lavoro, però, ha un grande costo economico. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom dell’accesso. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente di supporto cliccando qui.

Grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente ogni giorno centinaia di nuovi contenuti a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre entrate limitate. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una piccola ma fondamentale somma per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente di supporto!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Coronavirus, Johnson & Johnson sospende il test del vaccino: “Eventi avversi inspiegabili” su un volontario

Il prossimo


Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *