Con l’ingresso della Mercedes, l’Aston Martin sogna in grande: Auto World

Mercedes aumenterà gradualmente la sua tenendo in Aston Martin in base a un accordo tecnologico “Veramente rivoluzionario”, si legge in una nota emessa dalla casa automobilistica britannica, che sarà alla base del piano dell’azienda raddoppiare le vendite entro il 2025. L’accordo rafforza la partnership esistente tra le due società e fornisce ad Aston Martin l’accesso alla tecnologia Mercedes, compresi i motori elettrici e ibridi. In una dichiarazione, Aston ha detto che l’accordo includeva “L’architettura del gruppo propulsore e l’architettura elettrica / elettronica per tutti i nuovi prodotti lanciati fino al 2027”. Aston Martin si è per ora rifiutata di indicare in dettaglio quali prodotti sono previsti dal nuovo accordo, tranne quello nuovo CEO dell’azienda britannica, Tobias Moers, ha detto che i primi veicoli Aston che utilizzano la tecnologia dell’accordo saranno lanciati alla fine del prossimo anno.

Aston Martin, 40.000 euro per una Cygnet

Da allora lo ha detto anche il manager “Ci vorrà del tempo per portare la tecnologia in prodotti diversi”, sarà “Un boom di nuovi prodotti nel 2023”. Con il nuovo accordo, Aston Martin si è posta l’obiettivo di vendere circa 10.000 veicoli all’anno entro il 2025 e punta a un fatturato di circa 2 miliardi di sterline. A titolo di confronto, lo scorso anno il marchio britannico ha venduto 5.862 auto. Lawrence Stroll, il cui consorzio di investimento ha completato l’acquisizione di Aston Martin all’inizio di quest’anno, ha affermato che i 10.000 veicoli saranno costituiti da auto sportive a motore anteriore e centrale e “Un portafoglio di nuovi prodotti SUV”, accennando ai nuovi modelli a ruote alte che si uniranno al DBX lanciato di recente sul mercato. Circa il 20-30% delle vendite di Aston entro il 2024 saranno modelli ibridi. Stroll ha infine affermato che la società non prevede di lanciare un modello completamente elettrico prima del 2025.

Aumentando la propria partecipazione in Aston Martin fino a un massimo del 20% il gigante tedesco diventerà uno dei maggiori azionisti dell’azienda britannica. Le tecnologie dell’azienda di Stoccarda saranno fornite “a condizioni commerciali”. Mercedes possedeva già circa il 2,3% delle azioni Aston Martin come parte di un accordo che includeva lo sviluppo di un V8 per Aston da parte della sua divisione sportiva AMG. Sulla riva dell’Aston Martin, Stroll ha concluso l’accordo “Un momento di trasformazione”, aggiungendo quello “Con questa nuova comprensione, garantiamo l’accesso a tecnologie di livello mondiale per supportare i nostri piani di espansione dei prodotti a lungo termine, inclusi i propulsori elettrici e ibridi. Questa partnership rafforza la nostra fiducia nel futuro “. Un futuro che, a partire dal prossimo anno, vedrà il ritorno Aston Martin tra i team ufficiali di Formula 1.

Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *