Chiesa sta per approdare alla Juventus: venerdì l’ultima partita in casa viola

Negli angoli del tifo non si chiedono più nemmeno quale sia il destino Chiesa: hanno capito da diversi giorni che, dopo Bernardeschi, un altro Federico lascerà la Fiorentina per la Juventus. Tutto può sempre succedere sul mercato, ma se i bianconeri riusciranno a vendere Douglas Costa, l’affare andrà in porto da qui a lunedì. Contro la Samp, Chiesa giocherà con noi, ha detto il presidente Rocco Commisso dopo la visita al centro Davide Astori dove ha parlato con Iachini e ha salutato il giocatore. Domani sera, all’interno dello stadio Franchi con solo mille tifosi, sarà l’ultima partita del numero 25 con la squadra che lo ha cresciuto e lo ha trasformato in un potenziale campione.

La Juve ha bisogno di Chiesa, l’Inter Kantè ha bisogno del Milan Fofana: i colpi che mancano ai big per diventare grandissimi
La situazione

Cosa manca per arrivare al traguardo? La trattativa è stata avviata. Gli intermediari sono al lavoro. Là Fiorentina, rispetto a un mese fa, meno intransigente e aperto all’ipotesi di cessione in comodato d’uso per 10 milioni con diritto di riscatto che diventerà un obbligo al raggiungimento di certe e agevoli condizioni. Non c’è ancora un accordo definitivo sui dati, ma la strada è tracciata. La Juve vorrebbe restare under 50, la Fiorentina ne chiede 60 anche se diluita nel tempo. Per il momento nessun giocatore della rosa di Pirlo dovrebbe entrare nell’operazione.

Adesso è questione di tempo. E delle articolazioni. A Torino si punta sulle cessioni: alla fine potrebbe anche decidere di assumere Chiesa mantenendo i ribelli Douglas Costa, che ha rifiutato il Wolverhampton e attende il Manchester United (solo). Per almeno due tra Rugani, De Sciglio e Khedira devono partire. Saranno giorni intensi. Chiesa ha diretto la vendita. Non vuole andare all’estero nell’anno che precede l’Europeo. E al Milan preferisce la regina degli ultimi nove scudetti, che tuttavia ci ha pensato un po ‘e fino all’ultimo lavorerà nell’ombra. Federico determinato. Vuole la Champions League e ha fatto sapere che se dovesse restare a Firenze lo farà senza problemi ma di sicuro non rinnoverà il contratto in scadenza nel 2022. Un modo per forzare la situazione e mettere le spalle a Commisso. il muro. Il problema si trascina da troppo tempo. Chiesa voleva partire l’estate scorsa ma il cambio della guardia tra la famiglia Della Valle e la proprietà americana ha fatto saltare il suo progetto.

Adesso riprova. Con la certezza di essere vicini al traguardo. Il futuro di Chiesa sembra chiaro. Più difficile capire come sia la Fiorentina sostituire il suo giovane campione. Il piano segreto porta a Rodrigo De Paul, punto viola dalla scorsa estate. Ma i friulani chiedono 40 milioni e non danno sconti. È in gioco il free agent Callejon, che vuole un triennio di tre milioni netti a stagione per tre anni mentre sullo sfondo resta il vecchio piano di prendere un centravanti, forse l’ex Milan Venerdì, ora all’Hertha Berlino e dai un Vlahovic la capacità di giocare continuamente. Un difensore è sicuramente in arrivo: vicino all’accordo con il River Plate per Lucas Martinez mercoledì, del valore di circa dieci milioni. Ma alla Fiorentina giurano che il n Milenkovic n Pezzella si muoveranno. Questo per un’altra storia.

30 settembre 2020 (modifica il 30 settembre 2020 | 23:46)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Susana Russo

Susana Russo

Ciao. Sono un Digital Copywriter. Aiuto marchi come i tuoi a creare contenuti efficaci per coinvolgere e convertire il tuo pubblico. Forti competenze SEO. Inoltre, sono un copywriter italiano creativo e concettuale. So come te l'importanza di ogni singola parola e come può fare la differenza risuonare con il bersaglio. L'ho imparato negli ultimi 8 anni di duro lavoro al servizio di aziende come Sixt, Blexr, LEAP London, Catena Media e altre. Inoltre, sono un membro freelance della Pennagrafica di Benevento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *