che imbarazzo … – Libero Quotidiano

Donald Trump è famoso anche per l’uso massiccio che fate dei social media, tanto che per alcuni potrebbe governare gli Stati Uniti solo con i tweet. Si tratta, infatti, della piattaforma diventata il megafono del presidente, che a quanto pare non presta la dovuta attenzione alle password che consentono l’accesso al suo profilo Twitter da quasi novanta milioni di follower. L ‘l’hacker “etico” Viktor Gevers – che è un ricercatore olandese di cyber security – ha infatti smascherato la debolezza del sistema di sicurezza dell’account di Trump, al quale è riuscito ad avere accesso senza grossi problemi grazie a tecnica di “indovinare”. Fondamentalmente l’hacker ha ha indovinato la password grazie allo studio del carattere e alla costruzione di combinazioni alfanumeriche riconducibili al presidente americano: si è scoperto che la parola chiave era “MAGA2020”, o meglio lo slogan che caratterizza la campagna “Make America Great Again”. Gevers ha affermato di essersi limitato a sfogliare il profilo di Trump senza toccare nulla, pur avendo la possibilità di farlo: ha anche sottolineato che il presidente non ha mai attivata l’autenticazione a doppia chiave il che di fatto ci impedisce di attuare la tattica del “supporre”. La Casa Bianca ha ovviamente negato che ciò sia accaduto, ma nel frattempo Gevers sembra aver già violato l’account di Trump nel 2016.


Video su questo argomento

Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *