Borsa Italiana, il commento alla seduta odierna (6 ottobre 2020)

Le azioni bancarie rimangono sotto i riflettori. Si è spento l’appello speculativo su NEXI, dopo l’accordo siglato con SIA. Brillante sessione per Sabaf

I principali indici di Borsa Italiana e delle principali piazze finanziarie europee registrare progressi frazionari in una seduta caratterizzata da diversi cambi di direzione. Secondo Vincent Chaigneau – Responsabile della ricerca presso Generali Investments – è difficile sostenere che tutte le valutazioni azionarie siano alte in un contesto di rendimenti estremamente bassi. In particolare, l’esperto sottolinea come il premio azionario sia ancora abbastanza generoso in Europa. “Manteniamo un sovrappeso marginale in azioni, anche se inferiore rispetto alla primavera ”, ha sottolineato Vincent Chaigneau.

Alle 13.05 il FTSEMib ha registrato un progresso dello 0,54% a 19.370 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 19.195 punti ed un massimo di 19.389 punti. Allo stesso tempo il FTSE Italia All Share è aumentato dello 0,53%. Segno più per il FTSE Italia Mid Cap (+ 0,89%) e per FTSE Italia Star (+ 0,09%).

L ‘Euro toccato $ 1,18. Il diffondere Btp-Bund è appena sopra i 130 punti.

Le azioni bancarie rimangono sotto i riflettori.

Rimbalzo di Banca BPER dopo la pesante correzione subita nella seduta precedente, il giorno in cui è stato lanciato l’aumento di capitale sociale; il titolo della banca ha registrato un aumento del 2,48% a 1,2175 euro. Al contrario, io diritti relativi alla transazione ha registrato un calo del 6,17% a 0,38 euro.

Il Monte dei Paschi di Siena scende dello 0,51% a 1.365 euro. Il Sole24Ore scrive che, nell’ambito della scissione siglata con AMCO, l’istituto senese potrebbe emettere un prestito subordinato per un importo di 500 milioni di euro.

ENI registra un incremento del 2,08% a 6,829 euro. Il colosso petrolifero ha annunciato che oggi collocherà due emissioni obbligazionarie perpetue ibride subordinate destinate a investitori istituzionali denominate in euro ea tasso fisso.

L’appello speculativo su nexium, dopo l’accordo siglato con SIA: il titolo ha registrato un calo del 2,5% a 16,98 euro.

Seduta brillante per Sabaf (+ 5,7%). La società ha reso noti i risultati preliminari per il terzo trimestre del 2020 e ha rivisto le proprie stime per l’intero anno. In particolare, Sabaf ritiene di poter chiudere il 2020 con un fatturato compreso tra 170 e 175 milioni di euro (rispetto ai 155,9 milioni di euro del 2019) e un miglioramento della marginalità rispetto al primo semestre, quando era del 17% delle vendite. Le previsioni precedenti indicavano un fatturato compreso tra 162 e 167 milioni di euro.


Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *