Borsa Italiana, il commento alla seduta odierna (30 settembre 2020)

L’istituto ha definito i termini dell’aumento di capitale relativo all’accordo siglato con IntesaSanpaolo. Atlantia è tornata in rosso. Leap di Massimo Zanetti BG

I principali indici di Borsa Italiana e dei principali mercati finanziari europei mostrano cali frazionari a metà giornata. Pierre Veyret, analista tecnico di ActivTrades, lo crede fattori di breve termine continuano a influenzare i prezzi e la volatilità delle borse europee. “Ci aspettiamo che la direzionalità del mercato a lungo termine derivi da aggiornamenti positivi o negativi su ulteriori stimoli negli Stati Uniti o sviluppi su un vero vaccino contro il coronavirus”, ha sottolineato l’esperto.

Alle 13.00 il FTSEMib ha registrato un calo dello 0,46% a 18.974 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 18.873 punti e un massimo di 19.098 punti. Allo stesso tempo il FTSE Italia All Share è sceso dello 0,4%. Variazioni frazionarie per FTSE Italia Mid Cap (-0,09%) e per FTSE Italia Star (-0,18%).

L ‘Euro è sceso a $ 1,17.

Il diffondere Btp-Bund confermato a 140 punti.

I riflettori sono sempre sui titoli del settore bancario.

intonazione decisamente negativa per Banca BPER (-1,67% a 1,9175 euro). L’istituto ha definito i termini dell’aumento di capitale relativo all’accordo sottoscritto con Intesa Sanpaolo (+ 0,17%) relativo all’acquisizione di un ramo d’azienda composto da 532 sportelli bancari dell’istituto facente capo a Carlo Messina. In particolare, BPER Banca aumenterà il capitale sociale per un importo massimo di 802,26 milioni di euro, mediante l’emissione di massime 891.398.064 azioni ordinarie da offrire in opzione agli azionisti e ai possessori di obbligazioni convertibili nel rapporto di 8 nuove azioni per ogni 5 diritti. opzioni detenute al prezzo di sottoscrizione di € 0,9 per ogni nuova azione. Il prezzo di emissione delle nuove azioni incorpora uno sconto del 30,97% rispetto al Prezzo Teorico Ex Right o TERP delle azioni ordinarie BPER Banca al 29 settembre 2020 (€ 1,95).

Atlantia tornato in territorio negativo e registrato un calo dell’1,95%. La holding infrastrutturale ha deciso di inviare una lettera in risposta alla comunicazione ricevuta dal governo il 23 settembre. Atlantia ha precisato che la sua posizione è sempre stata quella di essere disponibile per la cessione della controllata Autostrade per l’Italia attraverso una “operazione di mercato, a garanzia di tutti gli stakeholder di Atlantia e ASPI”, sottolineando che la vendita potrebbe concludersi a condizioni reali di mercato solo a seguito della formalizzazione di un accordo transattivo tra ASPI e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nonché dal raggiungimento di un accordo sul quadro normativo e tariffario. Atlantia ha comunque confermato la volontà di proseguire le trattative con Cassa depositi e prestiti, nell’ambito di un processo trasparente ea valori di mercato.

Massimo Zanetti BG registra un balzo del 29,4% a 4,97 euro. MZB Holding ha comunicato la decisione di lanciare un’offerta pubblica di acquisto volontaria sulla società quotata al segmento STAR finalizzata all’acquisizione della totalità delle azioni e all’ottenimento del delisting sul Mercato Telematico Azionario (segmento STAR). L’offerente pagherà un corrispettivo di 5 euro per ogni azione portata in accettazione dell’offerta. L’importo offerto incorpora un premio del 30,2% rispetto al prezzo di chiusura di Massimo Zanetti Beverage Group del 29 settembre 2020 (3,84 euro).

Buone prestazioni per irlandesi (+ 1,74%). L’azienda ha annunciato il piano industriale 2020-2025. Le stime finanziarie contenute nel piano prevedono un margine operativo lordo in crescita entro il 2025 a 1,16 miliardi di euro (+240 milioni rispetto al 2019) con un tasso di crescita medio annuo del 4% (rispetto al 3,5% del piano precedente) grazie alla crescita organica , consolidamento e sinergie. L’utile netto di Gruppo è stimato a 350 milioni di euro (+113 milioni rispetto al 2019). Inoltre, il piano industriale di Iren, a seguito della forte crescita degli investimenti nel 2020-2021, delle ultime operazioni di M&A effettuate nel 2020 e dell’impatto del Covid-19, ha adeguato la politica dei dividendi fornendo 0,095 euro per azione sull’utile netto 2020 (+ 2,7% rispetto all’anno precedente), 0,1 euro per azione sull’utile netto 2021 (+ 5,3%) e una crescita annua del 10% dal 2022 in poi.


Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *