Borsa Italiana, il commento alla seduta odierna (13 novembre 2020)

In ripresa i titoli del settore bancario: si evidenziano BPER Banca e IntesaSanpaolo. Mood positivo per Unipol dopo la trimestrale. In rosso Atlantia

I principali indici di Borsa Italiana e dei principali mercati finanziari europei confermata in territorio positivo nell’ultima seduta della settimana. Commentando l’andamento in corso e i mercati finanziari Mark Dowding – CIO di BlueBay – ha sottolineato che l’ottimismo dovuto al vaccino ha causato un significativo rotazione settoriale sui mercati azionari, con i settori più duramente colpiti dalla pandemia che hanno registrato risultati solidi poiché la tecnologia ha perso parte dei guadagni di quest’anno. Inoltre, secondo l’esperto, i movimenti a scatti dei prezzi suggeriscono che molti investitori non erano pronti per questa situazione. “Questa tendenza nei mercati potrebbe continuare ulteriormente, se la liquidità disponibile viene investita per acquistare ad ogni ritracciamento nei prossimi giorni”, ha ipotizzato Mark Dowding.

Alle 14.05 il FTSEMib ha registrato un progresso dello 0,27% a 20.875 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 20.701 punti ed un massimo di 20.962 punti. Allo stesso tempo il FTSE Italia All Share guadagnato lo 0,28%. Segno più per il FTSE Italia Mid Cap (+ 0,45%), mentre il FTSE Italia Star era invariato.

L ‘Euro supera $ 1,18, mentre il bitcoin mantiene oltre $ 16.000 (quasi € 14.000).

Il diffondere Btp-Bund si conferma sotto i 120 punti.

I titoli del settore bancario hanno recuperato.

In evidenza Banca BPER (+ 2,6%) e Intesa Sanpaolo (+ 0,42%). I due istituti hanno stipulato un accordo integrativo all’accordo vincolante avente ad oggetto la cessione a BEPR Banca di un ramo d’azienda del gruppo derivante dall’acquisizione di UBI Banca. Con questa convenzione integrativa è stata completata l’identificazione delle filiali e sono state individuate le persone da inserire in filiale. Il perimetro della filiale comprende 486 filiali dotate di autonomia contabile e radicati rapporti giuridici con la clientela (7 in più rispetto a quanto precedentemente concordato).

Monte dei Paschi di Siena guadagna lo 0,26% a 1.143 euro. La Repubblica comunica che, con riferimento al provvedimento proposto nella nuova Legge di Bilancio – nell’articolo “Incentivi per le fusioni aziendali” – si potrebbe trovare un possibile partner di Mps in dote di 3,7 miliardi di euro sotto forma di crediti con il Tesoro. Il quotidiano ha precisato che l’incentivo sarebbe legato alla fusione o integrazione con un’altra azienda del settore.

Unipol è in aumento dello 0,33%. La compagnia di assicurazioni ha comunicato i risultati finanziari dei primi nove mesi del 2020, periodo che si è chiuso con un utile netto (escluse le minoranze) di 759 milioni di euro, in calo del 18,5% rispetto ai 931 milioni registrati nei primi tre trimestri dello scorso anno , a seguito degli effetti dell’emergenza sanitaria dovuta all’epidemia di Covid-19 ancora in corso. Unipol ha comunicato che il dato normalizzato dei primi nove mesi del 2019 è stato pari a 577 milioni di euro. La raccolta assicurativa diretta – al lordo delle cedute in riassicurazione – si è attestata a 8,64 miliardi di euro, in calo del 13,7% rispetto ai primi nove mesi del 2019 (10,01 miliardi di euro). A fine settembre l’indice di solvibilità (parametro che indica la solidità patrimoniale delle compagnie di assicurazione) indicava un rapporto tra fondi propri e capitale richiesto del 193%. Il vertice di Unipol ha confermato un trend di risultato operativo per l’anno in corso in linea con gli obiettivi fissati nel piano industriale 2019-2021.

Decisamente brutta giornata per Atlantia (-4,56% a 14,22 euro). Il consiglio di amministrazione della holding infrastrutturale si riunirà oggi per esaminare i risultati finanziari dei primi nove mesi del 2020.

Al segmento STAR Compensazione è sospeso temporaneamente fuori dai negoziati in attesa di un comunicato stampa.

Le prestazioni di Esprinet (+ 11,5% dopo uno stop per rialzo eccessivo), dopo la pubblicazione dei risultati trimestrali e la revisione delle stime per il 2020. Per l’anno in corso, il management di Esprinet prevede ricavi superiori a 4,4 miliardi di euro (in crescita di oltre l’11% rispetto a 3,95 miliardi di euro nel 2019) e un EBITDA adjusted di oltre 62 milioni di euro.


Angelo Narcisi

Angelo Narcisi

Multilingue e multitasker. Amante Agile. Giocoliere digitale. Giocatore di squadra. Completamente impegnato con il re (contenuto). Felice musicista e viaggiatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *