Arriva la chiusura degli incontri privati: sarà vietato vedersi a casa?

Il nuovo Dpcm potrebbe essere lanciato già domani, lunedì 12 ottobre. Cosa sarà il file Annunci introdotto dal presidente del Consiglio Conte? Per avere l’ufficialità assoluta bisognerà attendere ancora qualche ora, ma nel frattempo sono già cominciate a spuntare le prime indiscrezioni a riguardo. Il governo e gli esperti si sono detti piuttosto preoccupati per il costante aumento dei contagi – accompagnato però dall’aumento dei tamponi effettuati – e quindi vogliono correre subito ai ripari per evitare il blocco. Obbligo di indossare una maschera e divieto di raduni ovunque: l’azione dei giallorossi si muove su questi due livelli, che ora stanno anche valutando la possibilità di limitare gli incontri all’interno delle case. Sarà di nuovo vietato vedersi dentro Casa? Per ora non ci sono ancora certezze, ma non si può escludere che questa decisione possa essere presa anche per contenere la diffusione del Coronavirus.

Il presidente del Consiglio sarebbe pronto a promuovere una serie di strizzacervelli per evitare il “dentro di tutti”: si parla di chiusura di bar e ristoranti a mezzanotte, divieto di sostare davanti ai locali dalle 21.00 alle 6.00 e stop al calcio. e tutti gli sport di contatto a livello amatoriale. Intanto oggi è stato convocato un incontro di emergenza con il Comitato tecnico-scientifico: sarà l’occasione per seguire l’andamento dei contagi, per monitorare la situazione della terapia intensiva e per riflettere su alcune novità limitazioni in caso di un possibile ulteriore aumento di positività. E, mentre continuiamo a leggere Corriere della Sera, i divieti potrebbero riguardare anche le riunioni nelle case.

Chiudere le riunioni a casa?

Anche in famiglia dobbiamo stare attenti. Se riceviamo amici e parenti, stiamo attenti e manteniamo le distanze. Queste sono le situazioni in cui l’infezione si diffonde maggiormente“, aveva raccomandato l’avvocato in occasione del bando sull’obbligatorietà delle maschere. Devono essere indossati dispositivi di protezione ovunque, con poche rare eccezioni. Ma siamo sicuri che potremo ancora incontrarci? In effetti, sembra che ci stiamo muovendo verso il divieto di tutti feste privato e questo potrebbe valere anche per gli incontri organizzati nelle case. La mossa mira a prevenire il contatto tra persone non conviventi. Invece, un massimo di 30 persone potevano partecipare a banchetti dopo battesimi, comunioni, cresime e matrimoni. Una vera stretta su feste private e riunioni, che sarebbe la fonte primaria di nuove infezioni da Covid-19. Intanto sul web c’è chi inizia a preoccuparsi. “Non è come l’incubo diautocertificazione e il termine ‘comune‘?“, chiedono gli utenti.

L’ipotesi di divieto non è stata ancora del tutto esclusa cambio tra le Regioni e una riduzione del numero di ore di lezioni scolastiche in presenza. Isolamento fiduciario in caso di sospetto contagio potrebbe essere ridotto da 14 a 10 giorni; contemporaneamente Walter Ricciardi – membro del comitato esecutivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità – ha consigliato di ridurre da due a uno i tamponi di controllo. A medici e pediatri potrebbe essere data la possibilità di eseguire test rapidi (con una validità del 95%) e quindi tamponare solo i positivi. Un mix di misure per alleggerire le strutture sanitarie e per arginare il ritorno alla fase acuta della pandemia e un nuovo blocco.

Vanna Piazza

Vanna Piazza

Sono uno specialista della comunicazione online che crede nella creatività e nella passione per il lavoro. Il mio lavoro e i valori della vita sono umiltà e responsabilità. Ho sempre guadagnato la stima dei miei capi, perché sono estremamente concentrato e fortemente determinato a contribuire al successo di qualsiasi ambiente aziendale. Ho trascorso gli ultimi tre anni a perfezionare le mie capacità di scrittura, comunicazione e marketing, in particolare quelle digitali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *