17203049_1855078308073539_4726808301197773288_n

“Mentre le luci erano spente”, un Cluedo a teatro

Ricordo ancora un Natale di parecchi anni fa, mia zia mi fece trovare sotto l’albero il Cluedo, quel gioco da tavolo in cui si doveva beccare l’assassino prima che l’assassino potesse beccare te e in qualche modo e farti secco. Credo che abbiano intuito che non fossi una bambina normale dal fatto che le mie Barbie incarnavano ruoli da detective e che Ken finiva sempre accoltellato nella piscina rosa. Riuscivo a stare impegnata per ore a leggere tutti i gialli di Agatha Christie assassini ovunque sull’Orient Express, Sotto al Sole…poi il film rivelazione: Signori il Delitto è Servito ovvero la trasposizione cinematografica del mio gioco preferito, tante possibili soluzioni per lo stesso delitto.
Inutile dire, dopo questa premessa che non mi sarei persa per nessun motivo al mondo la nuova fatica teatrale della regista Emilia Miscio : Mentre le luci erano spente.
L’opera è una Comedy Mistery dell’americano Jack Sharkey quasi del tutto sconosciuta in Italia, un mix tra commedia, soap opera e giallo inglese.

17155838_1855078171406886_6856343883537595361_n
Foto di Riccardo Dell’Era

 

La storia si svolge alle Bermuda, nella residenza della ricca famiglia Wickenham (scenografia riprodotta in modo impeccabile, complimenti!) che si prepara all’arrivo di una serie di ospiti i quali movimenteranno la tranquilla vita sull’isola caraibica. Intrecci amorosi, impicci economici, interessi di vario genere culmineranno in un misterioso delitto che verrà portato a termine durante un black-out nel pieno di una tempesta tropicale. Il padrone di casa, l’illustre neurochirurgo Lord Clive Wickenham viene assassinato; ma come? Strangolamento pare! Ma da chi? Cosa sarebbe successo, dunque, Mentre le luci erano spente? Ad indagare sulla scena sarà l’impacciato e tonto ispettore di polizia Benjamin Braddock (al secolo il bravissimo Simone Giulietti), supportato dalla sua astuta assistente Alma Threedle (Gisella Cesari); ma a smascherare l’assassino sarete soprattutto voi spettatori, chiamati in causa dalla stessa regista (che distribuisce al pubblico dei foglietti da compilare) per partecipare attivamente all’indagine.
Alla fine del primo atto dunque, non riesco a sfruttare la pausa per prendere un caffè perché non posso far altro che indagare: quanti avrebbero un motivo per fare fuori Lord Wickenham (Claudio Bianchini)? Tutti probabilmente. Il pubblico commenta, azzarda ipotesi: è stato il maggiordomo (Claudio Carnevali)! Dice una spettatrice accanto a me che sembra la signora Fletcher.

17200866_1855078228073547_9040152471252429511_n
Foto di Riccardo Dell’Era

Inizia il secondo atto: appare dal nulla una bionda sconosciuta (Ambra Lucchetti) con in mano un coltello insanguinato. A questo punto il mio istinto da detective provetto vacilla. Il mistero si Infittisce. Una serata ricca di colpi di scena, gag, intrigo e interessanti trovate registiche . Ovviamente non posso rivelare la soluzione del caso, posso dirvi che ci sono andata vicino tanto così alla soluzione! Certamente non è così scontato come potrebbe sembrare all’inizio.
Quindi attenti aspiranti Sherlock, avete tempo fino a domenica 19 Marzo per mettervi sulle tracce di questo assassino.
uno spettacolo di Jack Sharkey
tradotto da Emilia Miscio
messo in scena dalla Compagnia Sogni di Scena
regia di Emilia Miscio

Con
Claudio Bianchini, Flaminia Grippaudo, Lidia Losito
Claudio Carnevali, Loredana Cofano, Simone Giulietti,
Gisella Cesari, Daniela Zoffoli, Laura Pacini,
Massimo Sconci, Leone Mazzotti, Francesca Sampogna,
Chiara Carpentieri, Ambra Lucchetti.

Disegno Luci e Musica Giorgia Caredda
Scene Giorgio Miscio
Foto e Video Riccardo Dell’Era

dal 7 al 19 marzo 2017
ore 21,00, domenica ore 17,00
Biglietti: intero € 15,00, ridotto € 12,00

Prenotazioni: 3385483473 – compagniasognidiscena@gmail.com

Share with:

FacebookTwitterGoogleTumblrPinterest